lunedì 4 novembre 2013

Focaccia di semola a lievitazione naturale




Che ne dite di iniziare la settimana con una gustosa focaccia a lievitazione naturale? La focaccia che vedete è frutto di un mio esperimento personale nato con l'intenzione di preparare una "focaccia pugliese" anche ispirata dalla sua. Ho impiegato semola rimacinata ed aggiunto all'impasto una patata lessa schiacciata al fine di conferire morbidezza. La scelta di fare un prefermento per accelerare la lievitazione e conferire aromaticità ha inciso sull'alveolatura determinando pochi grossi alveoli. (La vera focaccia "pugliese" ha un alveolata serrata, spugnosa, con buchetti più o meno regolari e non troppo grandi).
Così il termine "pugliese" mi è sembrato inappropriato. Se volete approfondire la vostra conoscenza sulla focaccia fato un salto qua.
Tuttavia la focaccia che ottenete seguendo la mia ricetta risulta leggera, morbida e saporita. Inoltre grazie all'impiego di lievito naturale rimane inalterata anche i giorni seguenti.
Buona foaccacciata!

 Ingredienti per 2 focaccie di 32 cm

Preferemento
150 gr Farina Manitoba
150 gr Acqua
20 gr li.co.li (lievito naturale in coltura liquida)
Impasto
Tutto il preferemetno
350 gr Semola rimacinata
150 gr Patata lessa schiacciata 
200 gr Acqua + 20 gr per idratare il sale
15 gr Sale
40 gr Olio
Un cucchiaino di malto

Per condire
Pomodorini pachino
Olive 
Sale e Pepe q.b.
Origano q.b.
Olio evo


Procedimento



  • La sera prima preparate il prefermento: sciogliete il lievito nell'acqua e mettetelo nella ciotola della planetari.
  •  Aggiungete la farina, mescolate qualche minuto, coprite con pellicola e lasciate a t.a. tutta la notte.
  • Al mattino unite al prefermento l'acqua, il malto, la farina e la patata sbriciolata.
  • Lavorate prima a bassa velocità e poi gradualmente aumentando portate ad incordatura. 
  • Aggiungete il sale sciolto nei 20 gr rimanenti e continuate ad impastare.
  • Infine unite l'olio a filo.
  • Nella lavorazione fermate un paio di volte la planetaria, capovolgete l'impasto e riavviate.
  • Mettete l'impasto in una ciotola lievemente unta di olio coperta con pellicola ed attendete il raddoppio (a me ha impiegato circa 4 ore).
  • Quando l'impasto è raddoppiato, rovesciatelo sul piano di lavoro, dividetelo in 2 e date a ciascun pezzo una piega a portafoglio. Coprite con un telo e lasciate riposare 30 minuti.
  • Oliate due teglie rotonde dai bordi alti, disponetevi l'impasto al centro e con le dita unte di olio picchiettate
  • Preparate due teglie oliate da 32 cm e mettete al centro di ogni teglia l'impasto. 
  • Schiacciate l'impasto con le dita per stenderlo fino a coprire l'intera superficie della teglia.
  • Una volta steso, rompete i pomodorini a metà con le mani per far colare tutto il succo ed i semi e disponeteli rivolti verso il basso, fino a riempire tutta la superficie della focaccia.
  • Mettete le olive, spolverate di sale ed origano e completate con un filo di olio.
  • Spolverate di sale e origano, quindi completate con un bel giro di olio extra vergine. 
  • Lasciate riposare ancora 30 minuti circa.
  • Cuocete in forno caldo a 230° per 10 minuti, poi abbassate a 200° e portate a cottura.





45 commenti:

  1. ahahahah, Maya, pure tu??? :D :D :D
    Ma siamo tutti in sintonia oggi!!!
    Il bello è che ci scriviamo 10 volte al giorno ma mica ce lo eravamo detto che uscivamo tutti insieme! :D :D :D

    p.s. aggiusta l'orario del tuo blog!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio Piero è incredibile...la blogsfera è stata invasa da focacce. Assurde le coincidenze. Però qua gatta ce cova..Figuriamoci se te e la tua bellissima blogmoglietTam non eravate d'accordo. eravate d'accordo...
      P.s. Ma come lo aggiusto il fuso??

      Elimina
    2. sssssssssssshhhhhhhhhh:))))

      Elimina
    3. ihihiiihihihi ihihihihi

      Elimina
    4. sei un disastro :)
      per cambiare fuso segui i numeretti :)

      primaQUI

      e poi QUI

      notte... il fuso di roma dice che sono le 2:19....

      Elimina
  2. Mi vanto di aver assaggiato questa focaccia spettacolare! al di là di tecniche e precisazioni il sapore era favoloso e di una sofficità senza paragoni!
    complimenti piccola peste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Piccola peste. é un'onore per me ricevere i tuoi complimenti perchè conoscendoti di persona e mangiando le tue preparazioni ho potuto constatare che sei bravissima ai fornelli. Grazie piccola peste!

      Elimina
  3. Ciao ti ho trovata dal mitico zio Piero e sono venuta a sbirciare da te brava Maya! Io sono in crisi con la produzione del mio licoli....non cresce fa solo bollicine! Se riesco a far lievitare la " bestia " finalmente pure io potro' fare la vostra focaccia ! ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Isabella, grazie per essere venuta a trovarmi. Tieni duro e vedrai che il tuo licoli darà grandi risultati. Se poi ti dovesse servire un licoli bello avviato, lo stesso che ha ricevuto in dono piero, io te lo posso donare ma non so se sei romana...

      Elimina
    2. Sei veramente un tesoro,sono nata a Roma ma non sono romana,vivo in provincia di Viterbo....per ora sto tentando disperatamente di creare il mio licoli sai sarebbe anche una soddisfazione personale,se proprio non ci dovessi riuscire quando capito a Roma ti faccio sapere.Sei veramente gentile e brava,continuero' a seguirti.Grazie mille! :)))))))

      Elimina
    3. Mio papà è di Lubriano..io adoro il viterbese. civita di bagnoreggio è fantastica. Quando vieni a Roma sappi che il mio lievito ti aspetta :D

      Elimina
    4. Sei troppo carina GRAZIE! :**********

      Elimina
  4. Vabbèèèèèèèèèèè.......... NON CI POSSO CREDERE!!!! O.o Mi state facendo morire dalle risate!!! :D :D :D
    Mysia, grazie anche a te!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Maya se ti ho chiamato Mysia, ma avevo le lacrime agli occhi dal gran ridere! :D

      Elimina
    2. Ciao Ornella, è davvero un immenso piacere trovarti qui. Con tutto che mio marito è pugliese non avevo mai fatto caso ai requisiti della focaccia. Tam mi ha illustrato gentilmente il tuo blog fonte di ispirazione anche per i pasticiotti. Mysia??? uauhauhauhau :D :D anche io sto morendo dalle risate in questo momento!

      Elimina
    3. ...Maya ma tu lo sai che anche Ornella è tarantina come tuo marito...?
      :))))

      Elimina
    4. Uhhhhhhhhhhhhhhh... tuo marito tarantino? La mia famiglia è numerosissima per parte di padre e di madre...Chissà se non siamo parenti! :D

      Elimina
    5. Ornella di dove sei? Mirko è di Sava..vicino Manduria!

      Elimina
  5. Che dire Maya? Bella la focaccia e...belle le foto (che ti invidio da morire) :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essepi bella sei tu non la focaccia e tanto meno le foto. Se arriva Piero da queste parti ci bastona entrambe. Io posso solo essere felice di qualche piccolo miglioramento ma prima che le mie foto diventino belle ce vole...ce vole.
      Ps. Cmq sono certa che in questa ricetta possiamo procedere anche senza rinfresco!

      Elimina
  6. Ecco che arrivo pure io! Non ci posso credere davvero, sembra fatto apposta! Non ti conoscevo e pure tu oggi pubblichi la focaccia barese! Io sono barese e ho pubblicato la ricetta della focaccia sul mio blog...ti ho trovata grazie a Zio Piero! Sto morendo dal ridere.... abbuffiamoci di focaccia barese oggi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, ho appena risposto ad Ornella e da Ornella sono arrivata al tuo blog e mi sono unita ai tuoi lettori. ANche mio marito è pugleise..ma lui è di Sava vicino manduria. Io vivrei di pizza e focaccia e mi pare che oggi è stato un gran giorno. Che ridere...senza conoscerci tutti in pubblicazione. MA io ho tradito le vostre tradizioni ;-P. Come direbbe Piero "che te possino" e come mi ha detto Tam "mannaggia a te..sei riuscita a far alveolare persino la semola" :D..

      Elimina
  7. Ha un aspetto fantastico! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ilaria, devo ammettere che ne sono rimasta soddisfatta. Una delle poche volte perchè di solito sono piuttosto "rompi balle" come me stessa :D. Gnam...ecco a te una fetta

      Elimina
  8. Ciao Maya!!! Oggi la blogosfera sembra barese :D
    Scherzi a parte, hai realizzato una bella focaccia. Voglio rifalra anche io seguendo i consigli di ZiaTam che mi ha illuminata su questa cosa della focaccia barese, per avvicinarmi il più possibile a quella vera. Ma ormai mi toccherà aspettare, perché adesso sto litigando coi panettoni e non ho i pomodorini.

    Continua sempre a provare, mi raccomando.

    Un abbraccio forte e a presto :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Michi, grazie per essere passata. Quando si tratta di pani e focaccie è un grande onore per me catturare la tua attenzione. Anche a me Ziatam mi ha illuminata con tutto che mio marito è pugliese..anche io ho alveolato troppo (che me possino..è più forte di me). Io vivo di prefermenti e grossi alveoli..ma credo che in questo tu mi capisci bene.
      p.s. io ho già fatto 3 panettoni..uno peggio dell'altro..(problemi con l'incordatura al secondo impastoal chè ho deciso di passare il natale fuori dell'italia così non devo mangiare il panettone il giorno di natale :D. Tu hai una ricetta tua sperimentale?

      Elimina
    2. Maya, lasciamo stare. Stessa cosa. problema di incordatura sul secondo impasto....volevo mangiarmi le mani!!! :(( io ho provato il panettone di adriano, quello con lievito madre. Aroma stupendo...ma con l'impasto non ci siamo. Ho perso quasi subito l'incordatura, sul secondo impasto. Però io ne ho fatto uno solo. Prossimo week end faccio una seconda prova. Ho cercato di capire gli errori....anche se non è facile. In teoria l'optimum sarebbe riprovare immediatamente, ma mi toccherà pure lavorare no? :D
      Comuqnue io riprovo fino a natale, perché se non riesco a fare un panettone come dico io, non mi arrendo!!!

      Ah! poi ho una ricetta del manuale di pasticceria...ma devo ancora riproporzionare gli ingredienti e scrivere. Se riesco appena ce l'ho pronta te la giro...chissà che ne tiriamo fuori.

      Ti abbraccio Maya, è bellissimo il tuo entusiasmo! :))

      Elimina
    3. ...se avete un po' di pazienza a breve pubblicherò un tutoril comprensivo di filmato....
      sssssssshhhh
      ;)

      Elimina
    4. Michi allora non sono la sola. Io ho provato a rimetterlo in frigo, e poi di nuovo e poi di nuovo ancora. NULLA. Persa l'incordatura all'inzio. Ho fatto 3 ottimi dolci ma nulla a che vedere con il Panettone. Riproveremo ancora in attesa di Piero :D.

      Elimina
    5. I panettoni li state facendo con la pasta madre o il lievito liquido? Io stasera parto con l'ennesimo panettone a forma di veneziana, lo devo portare domenica a pranzo da amici, su gentile richiesta. Come mai perdete l'incordatura? Posso aiutarvi?

      ps anche io aspetto quello dello Zio con il lievito liquido ma non diteglielo ssssssssssssssshhh

      Elimina
  9. ciao!!! pure tu oggi! siete forti!!!!
    e comunque, barese doc oppure no, pure la tua focaccia è davvero uno spettacolo.
    mamma mia che profumo di estate oggi...4 novembre?!?!!!! no, non ci credo!!!! l'aria profuma di pane e olio e pomodorini!
    brava pure tu!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ELe buongiorno,scusami mi era saltato il tuo commento. Aspettiamo anche la tua super focaccia. ormai te ed il lievito naturale sarete una cosa sola suppongo? L'aria che profuma di pane...che bella sensazione. Ziopierino sta crescendo con l'aria di pane (c'è chi cresce con quella di mare e chi di montagna..lui con quella di pane :) )

      Elimina
    2. :-)
      oh eccoti...ciao!!!! avevo immaginato che ti fossi sfuggita...anche perchè non ti dicevo cose brutte ;-)
      beh io e il lievito madre abbiamo ancora un rapporto conflittuale...e va a capire perchè poi, il pane mi viene zoppicante, non sono mai soddisfatta, e invece nel weekend ci ho fatto il panettone ed è venuto!!! misteri. :-)
      l'aria di pane!!!!!!!! bellissimo. fortunato Ziopierino. e brava mamma Maya! ciao!!!

      Elimina
    3. Ele se sei riuscita a fare il Panettone allora potresti davvero fare di tutto! Io sto al mio quarto tentativo e non credo che avrò molto successo..sigh sigh

      Elimina
  10. La focaccia è sempre ottima !!! :)

    RispondiElimina
  11. avevo lasciato un commento, ndov'è finito?????
    tesoro dicevo che questa focaccia è bellissima! e sicuramente buonissima, e potremmo ribattezzarla la focaccia magica di Maya,, l'unica che riesca a far alveolare la semola :))))
    altro che torta magicca! questa sì, la fecazze di Maya, è magica davvero!
    baaci baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia bellissima Ziatam, assurdo che senza saperlo abbiamo focacciato insieme. Lontane ma sempre unite :D. La magica focaccia di Maya, magica perchè è scomparsa in un nano secondo (gnam gnam). Un abbraccio forte forte ma forte assai :D

      Elimina
  12. Io l'ho già detto dagli altri, per sentire bene quale mi piace di più dovrei assaggiare, anzi dovrei mangiarmene una bella fetta delle varie ricette che mi sono letta questa mattina in giro per il web. E che non vi siete messi d'accordo? Non ci credo! Comunque bellissima anche la tua di focaccia. Come vi è venuto di postare tutti la focaccia barese? Non abbiamo che l'imbarazzo della scelta! Un bacione cara Maya

    RispondiElimina
    Risposte
    1. terry assurdo vero? Io l'avevo fatta molto tempo fa e poi era rimasta in giacenza. Ieri ho deciso di postarla. Non sapevo che lavrebbero fatto anche gli altri. Cmq la mia è un pochino diversa. Poco unta, morbida dentro e fuori, leggera. come avrai letto la vera focaccia pugliese non dovrebbe esser così. Ma tu farai un mix di tutte le ricette e ne otterrai una strepitosa :D

      Elimina
    2. Noooooo, io ho la ricetta originale della nonna che era di Bari! Ho scoperto che tuo marito è di Taranto ... anche io sono nata lì. Cresciuta poi a Milano, ci sono arrivata che avevo 16 mesi ma sono nata lì. ;)

      Elimina
    3. Viceversa Mirko è nato a Torino e ci è stato fino a 8 anni. Poi è tornato in Puglia con la famiglia. Di dove eri terry?

      Elimina
    4. Di dove ero nel senso dove sono nata? Te l'ho detto; Taranto città, pieno centro, La nonna abitava dietro l'Upim. Poi quando avevo 16 mesi i miei genitori si sono trasferiti a Milano per lavoro.

      Elimina