giovedì 4 aprile 2013

Stecche di Jim Lahey con lievito madre

Sarà capitato a tutti voi di leggere almeno una volta la parola "senza impasto" (o no Knead) nella categoria lievitati indicando un metodo che consente di ottenere senza fatica e senza l'utilizzo di impastatori dei risultati grandiosi.
Le stecche di Jim Lahey ne sono una chiara esemplificazione: pochi ingredienti e pochissimi minuti daranno luogo ad un pane croccante e ed estremamente leggero...
Io le preparo con il lievito madre ma possono essere tranquillamente preparate con il comune lievito di birra. Una ricerca su google vi porterà sicuramente a trovare la ricetta che fa per voi come io ho trovato la seguente perfettamente valida. Per tutti coloro che utilizzano come me il lievito madre consiglio di non superare assolutamente la quantità raccomandata e le ore di lievitazione per evitare quello sgradevole retrogusto acidulo. 
Mentre sto scrivendo non posso non pensare alla mia amica carissima amica Francesca sprovvista di impastatore ma sempre pronta a cimentarsi in imprese "simil impossibili"...
...è proprio alla sua grinta e passione che dedico questo post.







Ingredienti per 4 stecche


225 gr Farina Manitoba
100 gr Farina 00
100 gr Farina Integrale
20 gr Lievito madre in coltura liquida (li.co.li) freddo di frigo (rinfrescato 1gg prima)
340 gr Acqua fresca (12°)
3 gr Zucchero
5 gr Sale


Procedimento


Sciogliete il lievito nell'acqua e zucchero ed aggiungete la farina manitoba; mescolate brevemente ed aggiungete le rimanenti farine insieme ad il sale. Il tutto vi richiederà circa 3 minuti. Coprite con pellicola trasparente e lasciate a temperatura ambiente per circa 18 ore (l'impasto si deve presentare bolloso e non collassato). Rovesciate l'impasto su di un piano di lavoro infarinato con semola rimacinata, fate delle pieghe portando verso il centro l'impasto e riponetelo in un telo coperto per circa 2 ore. Trascorso il tempo necessario spennellate la superficie con olio e sale, dividete l'impasto in 4 con un taglio netto ed allungate ciascun pezzo sulla refrattaria ben calda (se ne avete una) o semplicemente su di una teglia. Cottura 15 minuti a 250° + 5 minuti a fessura (ovvero con il forno lievemente aperto).



14 commenti:

  1. Ogni volta che vedo questi risultati con pani senza impasto stento a crederci! Veramente bello! Complimenti!!!
    (e belle anche la foto!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incredibile vero quello che si può fare con una ciotola e due minuti di lavoro. A volte tocca farsi amici i nemici ascomiceti e lasciare che lavorino per noi ;-P

      Elimina
  2. Maya, il tuo pane mi appare davvero bellissimo. Sono sbalordita di un risultato simile senza impasto, tanto che sarei tentata di provare. Però io non ho il licoli, ho del lievito madre "standard". Ora mi documento e vedo di attrezzarmi, intanto scrivo la ricetta.
    Ti faccio sapere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela, grazie davvero! Considera che prima di scattare ho riguardato cento volte la tua ciabatta con farina di Enkir. Certo..questa preparazione richiede davvero 5 minuti ed una ciotola. Ecco un link con la ricetta con lievito di birra http://www.cookaround.com/yabbse1/entry.php?b=82930. Se ti dovesse servire il li.co.li te lo possiamo donare sia io che Franci.

      Elimina
    2. Grazie Maya. Io ho il lievito madre...penso si possa fare lo stesso, anche tenendo la stessa quantità. farò una prova :)
      Poi faccio una domanda da ignorante: il licoli non si potrebbe generare da un lievito madre, idratando di più? o ho detto una fesseria?

      Elimina
    3. Essenzialmente si e conviene per molti motivi convertire la pasta madre in licoli. Qui trovi alcuni procedimenti http://www.cappuccinoecornetto.com/2012/02/licoli-dalla-pasta-madre-solida-a-quella-liquida.html ; http://ilgiardinodeisaporiedeicolori.blogspot.it/2012/04/prozimi-e-lievito-liquido.html ; http://cedimezzoilmare.blogspot.it/2009/06/lievito-naturale-in-coltura-liquida.html. Sugli ultimi due blog trovi anche moltissime ricette interessanti specifiche per licoli. Altrimenti puoi convertire le ricette con pasta madre solida in liquida con il seguente convertitore http://pastamadre.altervista.org/?page=conversione_pastamadre. è probabile che 20 gr di pasta madre siano troppo pochi. Io ho una lista di ricette tue da sperimentare ;-P

      Elimina
  3. Mmmmmmm, che meraviglia Maya!! Come posso fare a farlo con il lievito di birra? Perchè la mia pasta madre causa forze maggiori è defunta col terremoto!! Sigh!! Buona giornata carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lara, grazie davvero. Come dicevo a Michela ecco la ricetta con il lievito di birra http://www.cookaround.com/yabbse1/entry.php?b=82930 . Però ammetto di averle fatte sempre con il lievito madre. (Se ti dovesse servire il li.co.li lo possiamo barattare con qualche pepita di cavolfiore :) ))

      Elimina
  4. Eccomiiiiii!!!grazie infinite Maya!! sei stata carinissima a dedicarmi questo post e questo pane che farò non appena torno a Roma!! grazie davvero! come ben sai è solo la passione a farmi fare tanta "fatica"!
    un abbraccione da Amburgo!!
    F

    RispondiElimina
  5. Anche questa ricetta la prendo volentieri! Ho l'impastatrice ma velocizzare ogni tanto mi fa sempre piacere. I tuoi sono perfetti con una alveolatura bellissima
    Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comodissima questa ricetta e di gran figura senza troppo impegno. Un validissima alternativa all'impastatrice :-)

      Elimina
  6. Ciao, adoro il tuo blog e per una novellina come me con il licoli vedere tutte queste cose è come entrare nel lunapark. Spero ti torni la voglia di scrivere prima o poi, perchè puoi insegnarci moltissime cose. Ciao, Maria.

    RispondiElimina
  7. Io ho la pasta madre solida, quanta ne devo mettere?
    Grazie
    Loredana

    RispondiElimina